Regolamento per la definizione agevolata delle entrate e tributi comunali non riscossi a seguito della notifica di ingiunzione di pagamento.

Si informa che con delibera del Consiglio Comunale n. 5 del 29 01 2018 è stato approvato il regolamento per la definizione agevolata delle entrate e tributi comunali non riscossi a seguito della notifica di ingiunzioni di pagamento. Per eventuali chiarimenti potete rivolgervi al Servizio Entrate.

Vedi gli allegati.

Pagamento dell’imposta comunale sulla pubblicità anno 2018 – Proroga dei termini


Si avvisano i gentili contribuenti che con delibera n. 74 del 14/12/2017 la Giunta Comunale ha prorogato il termine per il versamento dell’imposta sulla pubblicità permanente per l’anno 2018 al 30/04/2018 anziché il 31/01/2018.
Il Concessionario invierà come sempre i moduli per effettuare il relativo versamento.

ATTENZIONE – Avvisi pagamento TA.RI. (Tassa Rifiuti)

In questi giorni alcuni cittadini hanno ricevuto avviso di mancato pagamento della rata TARI scaduta il 31/08/2017; qualora risultasse loro di avere regolarmente pagato tale rata sono invitati a non tenere conto del sollecito evitando di recarsi presso gli sportelli comunali, si provvederà infatti d’ufficio al controllo e regolarizzazione del pagamento.

NOVITA’ IMU-TASI: comodato gratuito uso abitativo

COMODATO GRATUITO USO ABITATIVO: LE NOVITÀ IMU-TASI

La Legge di Stabilità 2016, Legge 28 dicembre 2015 n. 208, ha modificato il trattamento ai fini IMU e TASI delle abitazioni concesse in comodato d’uso gratuito ad un parente in linea retta di primo grado, genitore-figlio e figlio-genitore, prevedendo un’agevolazione pari al dimezzamento della base imponibile.

Le condizioni per usufruire del dimezzamento della base imponibile sono le seguenti:

  1. l’abitazione deve essere concessa in comodato a un parente in linea retta entro il primo grado che vi abbia stabilito la residenza anagrafica di tutto il nucleo familiare e che quindi la utilizzi come abitazione principale;
  2. l’abitazione concessa in comodato non deve essere accatastata in categoria A/1, A/8 e A/9;
  3. il comodante (chi concede il bene in comodato):
  • non deve possedere altri immobili ad uso abitativo in Italia ad eccezione della propria abitazione di residenza, ubicata nello stesso comune dell’immobile concesso in comodato, non classificata A/1, A/8 e A/9;
  • deve risiedere nello stesso comune del comodatario con tutto il nucleo familiare;
  • deve presentare la dichiarazione IMU/TASI, attestando il rispetto delle condizioni richieste;
  1. il contratto di comodato deve essere registrato;

L’agevolazione si estende alle pertinenze dell’abitazione concessa in comodato classificate in categoria C/2, C/6 e C/7, nella misura massima di una unità pertinenziale per ciascuna categoria.

È importante sottolineare come sia condizione necessaria, per poter usufruire dell’agevolazione, che il contratto di comodato d’uso gratuito venga registrato entro venti giorni dalla data di sottoscrizione del contratto stesso. Per i contratti in essere al 31 dicembre 2015, per avere diritto al dimezzamento della base imponibile per l’intero anno 2016, considerato l’art. 3 dello Statuto del contribuente (legge 212/2000), la scadenza di registrazione del contratto di comodato d’uso gratuito è fissata al 1° marzo 2016.

Contestualmente la Legge 208/2015 ha stabilito l’esenzione della TASI per la casa destinata ad abitazione principale dall’utilizzatore (inquilino o comodatario) purché vi abbia trasferito la residenza di tutto il nucleo familiare e la usi come abitazione principale, ad esclusione di quelle accatastate in categoria A/1, A/8 e A/9.

Il comodante verserà la TASI per la quota del 90% in qualità di proprietario dell’immobile, calcolando l’imposta con aliquota ordinaria sulla base imponibile dimezzata.

 

Dichiarazione_definitiva IMU comodato

 

Aperto il Fondo di solidarietà … puoi contribuire anche tu!

La Giunta in data 18 dicembre 2014  ha deliberato l’attivazione di un Fondo di solidarietà, provvedendo ad aprire un conto corrente bancario presso la Tesoreria con l’impegno di riversare  gli importi a credito nella contabilità comunale per poter essere destinati e spesi.

Il fondo intende proporsi quale strumento di promozione sociale e di coinvolgimento della società civile in un’ottica di sostegno e di solidarietà reciproca. Non sostituisce le iniziative e gli interventi già esistenti, ma ha una funzione integrativa e di stimolo alla solidarietà dei singoli cittadini e della comunità.

Il Fondo sarà parte integrante del bilancio comunale e le risorse raccolte verranno assegnate attraverso i Servizi Sociali.

Chiunque voglia contribuire può fare la sua donazione con bonifico  – Banca Popolare di Milano agenzia di Melzo CODICE IBAN: IT 21 V 05584 33400 000000007377.